Home / News / Il mondo entra nel Game con Alessandro Baricco (video)

Il mondo entra nel Game con Alessandro Baricco (video)

di Carlo Minervini

La rivoluzione è iniziata quarant’anni fa nella baia di SanFrancisco, quando una manciata di ingegneri decise che il paradigma novecentesco delle barriere, delle caste, degli intermediari, dovesse essere superato. Da allora, lentamente, la società analogica del secolo scorso ha lasciato spazio al digitale del nuovo millennio e, adesso, all’intelligenza artificiale. È l’epoca del Game, teorizzata, a dieci anni esatti dall’uscita dei Barbari, da Alessandro Baricco, espressa nel libro, appunto, The Game (Einaudi).

Ciò che dieci anni fa ci spaventava – il diffondersi sempre più massiccio dei computer, il multitasking, la privacy, la paura di una tecnologia che temevamo di non poter controllare – ora è diventata parte integrante delle nostre vite ed è stata assorbita dalla normalità di un gesto: il tap delle dita sul touchscreen di un cellulare.

Per Baricco la postura uomo-tastiera-schermo si è evoluta in un’estensione della mano: la conoscenza a portata dita, in un mondo iperconnesso, social e maledettamente semplificato. Un’analisi lucida e variegata che tocca gli aspetti politici, sociali e culturali degli ultimi decenni.

The Game

Se le rivoluzioni possono essere di natura fisica, l’epoca del Game si raggiunge, secondo Baricco, utilizzando le armi della mente. Non poteva saperlo, Steve Jobs, su quel palco californiano, che stava per cambiare per sempre la prospettiva dell’uomo moderno: perché tutti quei problemi che nel Novecento parevano complessi e irrisolvibili, venivano semplificati con un gesto (il tocco delle dita sullo schermo) e resi piacevoli da affrontare, tra icone colorate, meccanismi digitali divertenti e addirittura ludici. Da qui siamo entrati nel Game, che ha cambiato radicalmente la comunicazione politica, che si muove essenzialmente attraverso la rete e che ha portato all’elezione di Obama a presidente americano, al Movimento Cinque Stelle a diventare primo partito italiano, che ha modificato la quotidianità di ognuno di noi, rendendo la fruizione della cultura più semplice e liquida. Lasciando indietro le istituzioni che devono cercare le contromisure a questo progresso tanto veloce – la scuola prima tra tutte – e tanto irrinunciabile. Da qui si comprendono le difficoltà di reagire a questo cambio di paradigma.

The Game è un libro lucido e visionario, nel quale Baricco si muove illustrando vere e proprie mappe (fin da Stewart Brand, che coniò l’espressione personal computer) tra concetti inusitati come «post-verità» e «oltremondo»,rappresentando «non un’elettrizzante svolta tecnologica», ma la colonizzazione di «unavera e propria civiltà».

Articolo pubblicato sul quotidiano Gazzetta del Sud.

About promuovilibro

Check Also

E-book Reader, guida all’acquisto

Cos’è esattamente un ebook reader? Quali sono le caratteristiche che lo distinguono da un tablet …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.